+393921772881 info@newflemingrent.it

Sei un Venditore? Ho un consiglio per te: “Non usare la tua auto per lavorare”. Parola di un Agente di commercio pentito.

da | Apr 14, 2018 | Blog | 0 commenti

Massimo è nostro cliente da circa tre anni, oggi ti raccontiamo la sua esperienza.

Nelle aziende, una delle figure che produce più costi in assoluto è quella del venditore. Il commerciale (o sales, o account) in particolare produce, per sé e a volte per l’azienda mandante, quelli che potremmo definire “costi invisibili”. Tutti quei costi, cioè, derivanti dalle attività di ricerca, acquisizione, gestione e fidelizzazione dei clienti.

A volte questi costi sono a carico dell’azienda, quindi pari quasi a zero per il venditore. Molto più spesso, invece, come nel caso di Massimo, tali costi sono scaricati sui venditori. Al di la dei costi legati alle ore che i venditori passano cercare dei potenziali clienti, quindi sulle bollette del telefono o nello sviluppo di attività di marketing, ad esempio, il grosso dei costi sostenuti dai venditori è relativo al lavoro “sul campo”, quello cioè svolto quotidianamente per fidelizzare i propri clienti o procacciarne di nuovi.

Avendogli già parlato dei benefici fiscali (che come vedremo si traducono in benefici immediatamente economici) del noleggio a lungo termine durante alcuni caffè al bar, incuriositosi Massimo mi chiese una consulenza più approfondita, in cui buttammo giù un bilancio delle SUE spese annuali relativamente ad un veicolo “x” che si era fatto preventivare da un concessionario ed era intenzionato ad acquistare per sostituire il vecchio.
Quando finimmo di fare i conti Massimo era incredulo, non riusciva a credere che alla fine dell’anno tutti quei costi incidessero così tanto sul suo bilancio personale e familiare.

Ti riporto qui una sintesi di quello che esaminammo velocemente. Le prime cose che ci vennero in mente in relazione all’utilizzo che faceva della sua auto furono semplicemente i costi di “normale amministrazione” del suo veicolo di proprietà, utilizzato prevalentemente per andare a lavorare:

  • Carburante: per chi percorre anche pochi chilometri in una grande metropoli come Roma, incidono almeno per 350-400 euro al mese. Più di 4.000 euro l’anno.
  • Usura generale dell’auto: Prendiamo ad esempio il costo relativo alla semplice sostituzione delle pastiglie dei freni, non meno di 150 euro, che diventano 600 euro ogni anno (4 sostituzioni medie annue).
  • Costi di gestione: Il tempo trascorso ad esempio in coda all’ufficio postale per il pagamento di una (o più) multe è tempo sottratto al lavoro. Questo è un dato di fatto. Rimane quindi un costo puro e non è ammortizzabile. Anzi, nei giorni successivi, Massimo era consapevole di dover lavorare di più per recuperare il tempo perso e “coprire” la perdita di tempo, quindi di denaro. Tempo che non aveva prezzo, perché avrebbe dovuto toglierlo a quello che avrebbe dedicato alla sua famiglia, agli amici e ai suoi hobby.
  • Manutenzione: Il tagliando trimestrale, una manovra avventata o una semplice distrazione durante il parcheggio del veicolo producono costi di “fermo tecnico” dovuti al periodo di tempo che occorre agli autoriparatori per lavorare sul tuo veicolo. Tempo uguale denaro, ricordi? Denaro che come sempre dovrai recuperare successivamente e col doppio dello sforzo. Oppure, come spesso accade, tutto si traduce in un ulteriore costo diretto dovuto al noleggio giornaliero di un mezzo sostitutivo. Massimo questo lo sapeva già, perché l’aveva toccato con mano. Eh già, perché prima di conoscerci aveva sborsato quasi 200 euro per il noleggio di un’auto sostitutiva durante un lavoro di riparazione durato 5 giorni.
  • Assicurazione: RCA, Kasko, incendio e furto sono le voci che più incidono nel bilancio dei costi annuali del tuo veicolo. Massimo li quantificò in 1.400 euro annue.

Una volta terminato coi conti della serva il totale, circa 18.000 euro, era così composto:

  • Finanziamento (a 5 anni): 500€ x 12 mesi = 6.000 euro anno;
  • Anticipo: € 3.000
  • Tassa di possesso: 200 euro anno
  • Carburante: 350€ x 12 mesi = 4.200 euro anno;
  • Usura Auto: 600 euro anno.
  • Cambio gomme: 3 x 250€ = 750 euro anno.
  • Costi gestione: 500 euro forfettarie anno
  • Manutenzione e Noleggio auto sostitutiva: 1.000 euro anno.
  • Assicurazione: 1.400 euro anno

TOTALE: 17.650 Euro

Incredibile, vero? Dopo nemmeno un’ora, passata a fare calcoli che non aveva mai fatto prima d’ora, dalle tasche di Massimo erano usciti quasi 18.000 euro. Fu in quel momento che l’attenzione di Massimo si concentrò completamente su di me, ansioso e intento a scoprire quali fossero veramente i vantaggi del noleggio a lungo termine. Poco dopo firmò il contratto di noleggio per la sua nuova auto.

Ma perché Massimo mi firmò il contratto dopo solo 1 ora di chiacchierata davanti ad un caffè?

Per il mio fascino? No, lo escluderei. Per la mia abilità di vendere a un venditore? Mhm…escluderei anche questa possibilità! Allora perché? Semplice! Facemmo due più due e il risultato fu stupefacente. E sono certo che quello che stai per leggere stupirà anche te.

L’auto che Massimo intendeva acquistare costava 22.000 euro circa, sconto del concessionario compreso. Con Iva, messa in strada, tassa di possesso e assicurazione il totale complessivo raggiungeva il 28.500 euro circa.

Le agevolazioni di cui godeva Massimo, in quanto Agente di Commercio, gli avrebbero permesso di ammortizzare il costo totale dell’intera operazione rendendola “meno onerosa”, ma soltanto se “spalmata” nei nei quattro anni successivi. Oggettivamente troppi, come realisticamente troppo onerosa era l’intera operazione.

Ora ti starai chiedendo: “Ma non poteva finanziare l’importo dell’automobile?”

Certamente, ed era quello che intendeva fare, ma la rata era di circa 500 euro mensili, oltre a un anticipo di 3.000 euro da versare alla prenotazione del veicolo.

Massimo era sul punto di abbandonare l’idea. Ormai gli avevo dimostrato che si stava per avventurare su un percorso impervio. Così gli chiesi: “Ma se la macchina che tanto ti piace ti costasse, tutto compreso, meno della rata del finanziamento, la ordineresti ora, seduta stante?”. Lui, senza pensarci troppo rispose: “Certamente. Che domande fai?”. Gli buttai giù un preventivo per il noleggio a lungo termine della stessa auto: quindi stesso modello e stesso allestimento scelto dal concessionario e per di più senza chiedergli un euro di anticipo. Quindi ZERO spese iniziali.

Fatto! 289,00 euro al mese più iva (352,50 euro) con zero anticipo e con il chilometraggio scelto da lui. Stesso colore, stesso allestimento, stessi optional, con in più un cambio gomme l’anno e tutti i servizi compresi (manutenzione, assicurazione, tassa di possesso, soccorso 24/7, auto sostitutiva). Un unica differenza: il concessionario da cui aveva fatto il preventivo gli avrebbe consegnato l’auto in 120 giorni, noi gliela consegnammo in 40 giorni.

Prima di fare i calcoli definitivi per rivelarti quanto Massimo abbia risparmiato, per onestà intellettuale conteggerò in aggiunta al canone di cui sopra (moltiplicato per 12 mesi) ANCHE le spese per il carburante. E nient’altro. Punto.

Quindi, ricapitolando:

Canone mensile noleggio: € 352,50 x 12 mesi = 4.230 euro anno (iva compresa)

Carburante: € 350 x 12 mesi = 4.200 euro anno

TOTALE:  8.430 Euro l’anno.

Un risparmio di ben 9.220 euro l’anno. Oltre il 50% di abbattimento dei costi, in una sola volta. In una sola ora.

Per non parlare poi delle agevolazioni e dei benefici fiscali dati dalle detrazioni di cui la categoria degli agenti di commercio come Massimo può beneficiare in sede di dichiarazione dei redditi. Un risparmio, che se sommato a quello già considerato diventa complessivamente di 12.000 euro l’anno circa. Come avere un’entrata fissa di 1.000 euro al mese, tutte per te.

ZERO SPESE, ZERO SORPRESE E UN CANONE FISSO NEL TEMPO.

Se sei un agente di commercio, non perdere altro tempo e non immobilizzare soldi che potresti investire in altro.

Se invece sei un imprenditore, un professionista o un artigiano sappi che anche tu puoi godere di grossi vantaggi fiscali. Forse non te l’anno detto, o forse l’hanno fatto ma non te l’hanno spiegato a dovere, ma se dimostri l’utilizzo esclusivo del veicolo ai fini dello svolgimento della tua attività, potrai detrarre fino al 100% dell’importo dei canoni di noleggio! E’ facile dimostrarlo, se sai come fare. E se vorrai, te lo insegneremo.

Ancora ti stai chiedendo se o perché è meglio noleggiare l’auto? Fai come Massimo, chiedilo a noi!

Compila il form di contatto, ti richiameremo noi entro 24 ore per programmare una consulenza gratuita e senza impegno.

Sei un:

13 + 4 =

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi